martedì 14 febbraio 2017

VENTIMILA LEGHE SOTTO I MARI (UTET)


Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959

Con questo articolo inauguro la sezione decicata alle opere di Jules Verne che posseggo ed in particolare alle diverse edizioni del suo romanzo più famoso ovvero "Ventimila leghe sotto i mari".
Si parte con l'ultimo arrivato in collezione, un bel libricino cartonato della mitica casa editrice torinese UTET della collana per ragazzi "La nuova Scala d'Oro".
A questa collana e alla sua versione precedente "La Scala d'Oro" (anni '30!!) dedicherò ampio spazio in futuri articoli dettagliati.
Basti sapere che tale collana esordì nella sua 1a edizione nel lontano 1932 in pieno regime fascista ed ebbe numerose ristampe, sono infatti registrate almeno cinque ristampe – nel 1940-41, 1942, 1944-45, 1951-53 e 1959 – nel corso delle quali furono pubblicati anche 18 nuovi titoli in appendice alle serie sesta, settima e ottava.

Il libro presentato in questo articolo fa parte di una nuova edizione successiva edita appunto nel 1959 e denominata "La nuova Scala d'Oro" col sottotitolo "Biblioteca enciclopedica illustrata, scelta e graduata per i ragazzi dai sei ai quindici anni", sempre diretta da Errante e Palazzi ma ampliata per offrire dieci serie di 12-15 volumi ciascuna, rivolte ai ragazzi fino ai 15 anni. Molti dei testi proposti erano quelli della prima edizione, mentre altri furono sostituiti da nuovi e più moderni titoli che comprendevano anche gli adattamenti di famose opere per l’infanzia precedentemente ignorate.

Per cominciare la fotografia fronte-retro del volume dove si può notare nella costa la serie ed il numero del volume: Serie VII n. 4.


Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, fronte-retro

I dati della presente edizione:

VENTIMILA LEGHE SOTTO I MARI
di Jules Verne
UTET (Unione Tipografico-Editrice Torinese)
La nuova Scala d'Oro (Serie VII n. 4)
Torino 1959, cartonato, illustrazioni a colori
198 pagine
Narrato da: Maria Tibaldi Chiesa
Illustrazioni: Sergio Toppi

Descrizione

"Un oggetto misterioso, più grande e più rapido di una balena, solca gli oceani a fine Ottocento. Tutti si interrogano su questa apparizione incredibile. Se ne parla dovunque: nei caffè, nei teatri e sulle pagine dei giornali. Poi l'oggetto misterioso comincia ad affondare alcune navi, e la paura si sovrappone alla curiosità. Di cosa si tratta? Lo scoprirà un gruppo di naufraghi, e sarà una scoperta straordinaria. Non è un pesce mostruoso, né un gigantesco cetaceo a spargere il terrore nei mari. È un sommergibile, il Nautilus, guidato dall'indimenticabile figura del capitano Nemo, un uomo solitario in lotta con il mondo. Ma saliti a bordo del Nautilus le avventure sono appena cominciate: in compagnia del capitano Nemo si attraverseranno le profondità degli oceani, si visiteranno città sommerse, si combatterà contro polpi giganteschi. Un susseguirsi di vicende appassionanti che hanno fatto di questo romanzo uno dei capolavori immortali nati dalla fantasia di Verne.[Fonte IBS.it]"

L'autore

"Jules Verne, spesso italianizzato in Giulio Verne (Nantes, 8 febbraio 1828 – Amiens, 24 marzo 1905), è stato uno scrittore francese. Considerato oggi tra i più influenti autori di storie per ragazzi e, con i suoi romanzi scientifici, uno dei padri della moderna fantascienza, il successo giunse nel 1863, quando si dedicò al racconto d'avventura.
Tra le sue numerosissime opere, note in tutto il mondo, vi sono romanzi come Viaggio al centro della Terra, Dalla Terra alla Luna, L'isola misteriosa, Ventimila leghe sotto i mari e Il giro del mondo in ottanta giorni. Alcuni di questi sono poi divenuti anche film di successo. Con i suoi racconti ambientati nell'aria, nello spazio, nel sottosuolo e nel fondo dei mari, ispirò scienziati e applicazioni tecnologiche delle epoche successive. Verne è anche uno degli autori più letti in lingua straniera.[Fonte wikipedia.it]"


Forse alcuni di voi avranno notato dalle immagini un paio di cose che vale la pena approfondire ovvero l'assenza in copertina del nome di Verne come autore del romanzo e la presenza di Sergio TOPPI alle illustrazioni, ovvero uno dei miei artisti preferiti in assoluto di sempre.
Al posto del nome dell'autore è presente una dicitura piuttosto curiosa e piuttosto inusuale (ma non per la collana in questione) ovvero:


ROMANZO NARRATO DA M. TIBALDI CHIESA

Ora, al di là di chi fosse la signora Tibaldi Chiesa, è interessante capire cosa significhi tale dicitura nel dettaglio; senza scendere troppo nei dettagli che saranno trattati in un futuro articolo, basti dire che questa collana venne concepita inizialmente negli anni '30 e successivamente negli anni '50/'60 come collana per l'infanzia, tanto da venire divisa in serie crescenti in base alla fascia d'età del bambino/ragazzo a cui sono rivolti i volumi scelti.
Sono presenti opere originali che trattano argomenti molto vari relativi alle discipline più varie (dalla storia alla geografia, dalla biologia alla storia dell’arte e allo sport) ma anche e soprattutto adattamenti delle opere letterarie più note.
Tra gli adattamenti letterari va individuata un’ulteriore ripartizione in "capolavori classici di tutte le letterature" e in "capolavori della letteratura per l’infanzia". I primi sono in numero nettamente maggiore: si tratta infatti di più di 50 titoli che riassumono i diversi generi della narrativa occidentale di tutte le epoche.
Nonostante gli elementi paratestuali siano identici sia per le opere adattate che per le opere originali, il carattere di adattamento viene esplicitato nella formulazione del titolo e della paternità presentate in copertina: infatti in questo caso al titolo segue sempre l’indicazione «narrato da» e non la specificazione «di», come accade alle opere originali. D’altra parte va osservato che per conoscere l’autore dell’opera originale quasi sempre (ed anche in questo caso) bisogna ricorrere al frontespizio. Questa mancanza è probabilmente voluta e risponde all’intento di evidenziare che questi adattamenti seguono più un criterio di "rielaborazione" del testo che di semplice riassunto. Si tratterebbe quindi di una vera e propria riscrittura del testo che meriterebbe dunque di porre in maggior evidenza il nome del "narratore" rispetto all’autore originario».

È evidente che queste riscritture danno vita a tagli e modifiche del testo originale – a volte si tratta di semplici riduzioni di descrizioni ritenute troppo prolisse e di semplificazioni linguistiche, altre volte di censure ed edulcorazioni di tematiche scabrose o conflittuali –, tuttavia esse hanno il merito «di mettere a contatto per tempo il fanciullo con i nomi, con le opere, con le personalità dei maggiori autori di ogni tempo e di ogni paese, preparandolo agli studi avvenire, più profondi, più estesi, più compiuti», come sosteneva Mary Tibaldi Chiesa, autrice di numerose riduzioni per “La Scala d’oro”, compresa quella del volume in oggetto.[Fonte fondazionemondadori.it]



Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, frontespizio

Per quanto concerne invece il nome altisonante dell'illustratore, ovvero quel Sergio TOPPI di cui potete trovare un articolo in questo stesso blog, ovvero: SULLE ROTTE DELL'IMMAGINARIO (COLLANA) - SERGIO TOPPI, riesce difficile credere che sia lo stesso artista maestro del tratteggio così splendidamente definito da Angelo Nencetti, (direttore del Museo del fumetto e dell'Immagine di Lucca) "... dalla cui opera grafica emergono la sua caratteristica dissoluzione del perimetro della vignetta, la verticalità, il tratto definitivo, l'abbacinante uso del bianco e nero, il particolare utilizzo del "fuori campo" che creano grafismi unici e riconoscibili."
Le illustrazioni presenti in questo volume sono presumibilmente degli splendidi acquerelli che letteralmente calano il lettore a bordo del Nautilus nelle profondità oceaniche in compagnia del misterioso Capitano Nemo e della sua ciurma.



Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
illustrazione in apertura di capitolo

Sfogliare il volume è una vera e propria gioia per gli occhi, essendo illustrato con un'abbondanza inusitata di figure, tricromie, carte geografiche, disegni ecc. Questa collana è infatti, oggi come ieri, molto conosciuta ed apprezzata soprattutto per l’elemento iconografico. Il ruolo fondamentale che queste illustrazioni hanno nel progetto editoriale può essere individuato nel fatto stesso che esse non sono relegate in pagine a sé stanti, ma sono dentro al testo, come osserva Gianna Marrone nel suo volume "La scala d'oro, una collana di libri per ragazzi": «scompare infatti da questi libri la classica tavola illustrata, che compare ogni tante pagine […]. Le illustrazione della “Scala d’oro” sono nel testo, dentro il testo; lo attraversano e lo coinvolgono, lo rendono più vivace e colorato».

Di seguito altre fotografie del mio volume per meglio rendere questa varietà di posizionamento, dimensione e colori delle tavole che rendono il volume una meraviglia anche e soprattutto "pittorica".



Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
illustrazione su doppia pagina senza testo - "splash page"



Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
illustrazione su doppia pagina con testo

Il maggior contributo è dato senza dubbio da Gustavino, nome d’arte di Gustavo Rosso, disegnatore di ben 15 volumi della collana, seguito da Filiberto Mateldi, autore di 14 titoli, entrambi noti per le loro collaborazioni con pubblicazioni per l’infanzia quali il «Corriere dei Piccoli» e il «Giornalino della Domenica ». A Mateldi è affidato anche l’incarico di disegnare le figure che compaiono nei risguardi, nell’occhiello e nel frontespizio dei volumi delle prime cinque serie, mentre a Gustavino quelli delle ultime tre serie. Gli altri disegnatori della collana, ciascuno con il proprio tratto inconfondibile, sono Carlo Nicco, Vsevolode Nicouline, Carlo Parmeggiani, Mario Zampini, Enrico Pinochi, Aleardo Terzi, Gino Baldo, Carlo Bisi, Nino Pagot, Piero Bernardini, Guido Moroni Celsi, Antonio Maria Nardi, Golia (Eugenio Colmo), Andrea Fossombrone, Sergio Toppi, Marina Battigelli, Latini. 



Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
illustrazione a mezza pagina

Anche i colori delle illustrazionsono molto vari, così come la composizione quasi a racchiudere il testo.


Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
illustrazione a contorno del testo

Inoltre non mancano le consuete illustrazioni a tutta pagina singola (di solito la destra) così tipiche di centinaia di libri illustrati, per ragazzi e non, dei decenni a venire e di cui possiedo numerosi volumi di molte altre collane e case editrici.


Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
illustrazione a tutta pagina


Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
illustrazione a tutta pagina

Il volumetto presenta una ulteriore chicca che ha ulteriormente innalzato il mio già lusighiero giudizio; la presenza nell'ultima pagina di una cartina ripiegata con tracciata la rotta del Nautilus attraverso gli oceani di tutto il globo.


Ventimila leghe sotto i mari, La nuova Scala d'Oro, serie VII n. 4, UTET, 1959, 
cartina ripiegata rotta Nautilus

Come potete vedere il volume risulta veramente molto bello soprattutto in rapporto al prezzo con il quale lo si riesce piuttosto "facilmente" a recuperare nel mercato dell'usato.
Riassumendo dunque, ne consiglio assolutamente l'acquisto a tutti gli amanti di Jules Verne e dei libri per ragazzi/illustrati; il prezzo a cui la si può trovare è piuttosto irrisorio se paragonato alla qualità delle illustrazioni e dell'opera in sè, benchè ridotta/narrata in questo caso: siamo attorno ai 10,00 € e a volte (come nel mio caso d'acquisto) anche meno...

L'edizione precedente edita ne "La Scala d'Oro" costa qualche cosa di più, ma nemmeno troppo, ovvero attorno ai 15/20,00 € a seconda dello stato di conservazione, di seguito la copertina, giusto per apprezzarne la differenza con il volume di questo articolo; in particolare il nome dell'illustratore differente ovvero Guido MORONI CELSI.


Ventimila leghe sotto i mari, La Scala d'Oro, serie VII n. 7, UTET, 1934, fronte

PRO:
  • per quanto "adattata" trattasi sempre di romanzo di Jules Verne!
  • rapporto qualità/prezzo del volume ottimo
  • meravigliose illustrazioni interne di Sergio Toppi
  • è vintage, è una collana "pedagogica" storica nel panorama editoriale d'Italia

CONTRO:
  • fa parte di una collana, a volerla collezionare tutta, piuttosto vasta/edizioni
  • non è la 1a edizione degli anni '30
  • la "narrazione" snatura leggermente l'opera, se è quella che cercate...

Scheda del libro su Anobii:

Scheda della collana su wikipedia:

Scheda della collana su lbf.it:


Scheda di approfondimento sul bel sito letturadimenticata.it:

Per qualsiasi domanda, suggerimento, puntualizzazione o altro contattatemi tramite messaggio sul blog, email o su Anobii.


Buona lettura! 

giovedì 2 febbraio 2017

BIBLIOTECA ILLUSTRATA DEL SAPERE (IL FAR WEST - I COWBOY)




Biblioteca illustrata del sapere n. 34, 36, Il Far West - I Cowboy, Dorling Kindersley, 2005

Ed eccoci al nuovo articolo del blog dopo oltre un mese di pausa forzata causa vicessitudini varie familiari, fortunamtamente sistematesi per il meglio, che mi hanno tenuto occupato sia mentalmente che fisicamente per gran parte di gennaio.

Ho ricevuto questi due volumi da pochi giorni e ho deciso immediatamente di dedicarvi un post del blog; non sono volumi rari o particolarmente vintage e nemmeno storicamente importanti o altro, sono semplicemente due bei volumetti cartonati dedicati al vecchio west e tanto basta no?!

Fanno parte di una collana di qualche dozzina di volumi di oramai oltre un decennio fa che, devo ammettere, mi sfuggì completamente quando uscì; tant'è che mi domando se fosse distribuita in edicola o solamente in libreria...
Di solito sono molto attento a queste iniziative, visto anche il prezzo a volume piuttosto abbordabile avrei sicuramente comprato qualche numero, a partire proprio da questi due che vado a presentare.


Biblioteca illustrata del sapere n. 34, Il Far West, fronte, Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 34, Il Far West, retro, Dorling Kindersley, 2005

IL FAR WEST (Alla scoperta della storia della Frontiera Americana, dalla corsa all'oro al massacro di Wounded Knee)
(Wild West, 2005)
di Stuart Murray
DORLING KINDERSLEY
Collana: Biblioteca Illustrata del Sapere n. 34
2005, cartonato, completamente illustrato con foto, cartine, disegni in b/n e a colori
64 pagine
Traduzione: Ilaria Ortolina
Isbn-10: 8890186798
Isbn-13: 9788890186790

Descrizione

"Questa guida originale ed emozionante esplora l'affascinante storia dell'America del West. Eccezionali fotografie e documenti storici offrono un'efficace testimonianza visiva della storia del leggendario Far West.

OSSERVA il famoso coltello di Jim Bowie, lo scudo dei guerrieri della tribù dei Pawnee, la sella del Pony Express, la bilancia del cercatore d'oro, una vera diligenza.

IMPARA come erano costruite le capanne di zolle e sterpi, chi era "Piccolo colpo sicuro", come fu definitivamente catturato Geronimo, chi erano i "soldati bufalo", che cosa vuol dire "vedere l'elefante".

SCOPRI i pericoli dei viaggi sui sentieri del West, perchè Buffalo Bill ha preso questo nome, come Custer venne alla fine sconfitto, chi erano gli avventurieri di montagna e tante, tante altre cose."



Biblioteca illustrata del sapere n. 36, I Cowboy, fronte, Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 36, I Cowboy, retro, Dorling Kindersley, 2005

I COWBOY (Vita quotidiana, storia e leggenda)
(Cowboy, 2005)
di David Murdoch
DORLING KINDERSLEY
Collana: Biblioteca Illustrata del Sapere n. 36
2005, cartonato, completamente illustrato con foto, cartine, disegni in b/n e a colori
64 pagine
Traduzione: Cristina Rebeccani
Isbn-10: 8890207019
Isbn-13: 9788890207013

Descrizione

"Un'originale e stimolante presentazione dell'affascinante vita dei cowboy in ogni parte del mondo. Eccezionali fotografie dal vivo di cavalli e mandrie, di marchi, lazi, attrezzi e utensili di ogni genere offrono un'efficace testimonianza visiva della vita quotidiana nel ranch.

OSSERVA un autentico carro del West, come un mandriano esperto legava i vitelli, un cowboy in azione durante un rodeo, quando in Francia vivevano cavalli e tori selvatici.

IMPARA come si vestivano i cowboy , come cavalcavano i mongoli, perchè i gauchos decoravano le cinture con borchie di cuoio, come si doma un cavallo selvaggio.

SCOPRI la straordinaria abilità nel tiro Annie Oakley, come erano fatte le selle australiane, come è nata la leggenda dei cowboy, la vita delle cowgirl del West e tante, tante altre cose."

La casa editrice è la Dorling Kindersley (a me completamente ignota) che edita questi volumi caratterizzati da fotografie di ottima qualità accompagnate da esaurienti didascalie che rendono le pagine di questi volumi ideali per ricerche, per approfondimenti iconografici o semplicemente per godere di una sorta di simpatico "racconto illustrato" inerente gli argomenti del singolo volume. Ogni libro tratta di un argomento specifico diviso in decine di agili capitoletti con una breve introduzione e numerose immagini e relative descrizioni dettagliate.


Biblioteca illustrata del sapere n. 34, Il Far West, frontespizio, Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 34, Il Far West, indice, Dorling Kindersley, 2005

Come già detto consiglio il recupero a tutti gli amanti della storia del West che desiderino ampliare a poco prezzo la propria biblioteca con questi volumi ricchi di fotografie e molto piacevoli da sfogliare e ammirare; non si tratta ovviamente di testi approfonditi, di saggistica nel senso più rigoroso del termine, e nemmeno di libri fotografici, iconografici confrontabili con altre edizioni di centinaia di pagine e fotografie "d'artista" ma possiedono nel loro piccolo una "freschezza/piacevolezza" difficilmente spiegabile.


Biblioteca illustrata del sapere n. 36, I Cowboy, frontespizio, Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 36, I Cowboy, indice, Dorling Kindersley, 2005

Riporto alcune pagine per mostrare la qualità dell'impaginazione, la cura dell'edizione e la bellezza e ricchezza delle fotografie d'epoca presenti nei singoli capitoli; come potete vedere la parte testuale è volutamente ridotta all'osso come si dice, per lasciare spazio alla parte visiva ed emozionale dell'opera, le brevi introduzioni comunque risultano ben scritte e utili ad inquadrare velocemente l'argomento rimandando eventualmente ad approfondimenti personali.

IL FAR WEST (alcuni capitoli del volume)


Biblioteca illustrata del sapere n. 34, Il Far West, "Bravi medici e venditori di "olio di serpente", Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 34, Il Far West, "Il Pony Express", Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 34, Il Far West, "Lo sviluppo delle città", Dorling Kindersley, 2005

I COWBOY (alcuni capitoli del volume)


Biblioteca illustrata del sapere n. 36, I Cowboy, "Legge e quiete pubblica", Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 36, I Cowboy, "Pistole e pistoleri", Dorling Kindersley, 2005


Biblioteca illustrata del sapere n. 36, I Cowboy, "Cappelli e ancora cappelli", Dorling Kindersley, 2005

PRO:
  • prezzo del singolo volume buono/ottimo (sia al tempo che ancor più oggi tramite recupero su siti di vendita online)
  • formato del volume e qualità di stampa e delle fotografie egregio
  • reperibilità ottima
  • una bella carrellata di immagini, mappe, disegni in grado di entusiasmare ed incuriosire tutti a partire dai lettori più giovani (la tramandiamo questa passione della lettura o no!? :D )

CONTRO (se proprio ne dobbiamo trovare):
  • per quanto sia lampante che la parte testuale e di approfondimento non sia l'obiettivo di questa collana avrei comunque preferito almeno una paginetta di testo per ogni capitolo con qualche riferimento ad altri testi o fonti.
  • la bellezza e la varietà di argomenti trattati ci porta rapidamente, forse troppo rapidamente, alla fine di queste 64 pagine in una "cavalcata" che vorremmo durasse di più. Uno sforzo per portare il volume a 100 pagine si poteva fare?
Non avendo trovato link specifici di approfondimento prettamente legati alla collana segnalo giusto un paio di link generici al riguardo:

Scheda sul West su wikipedia:

Scheda sui Cowboy su wikipedia:

Url del sito dedicato a 360° al Far West:


Per qualsiasi domanda, suggerimento, puntualizzazione o altro contattatemi tramite messaggio sul blog, email o su Anobii.


Buona lettura! 

martedì 20 dicembre 2016

SAMURAI EXECUTIONER (DANSEI COLLECTION) - GOEN


"Samurai Executioner", RW Srl – GOEN Division, manga, seinen 2015/2016

Con questo articolo di fine 2016 voglio effettuare la prima "incursione" di questo blog in territorio fumettistico ed in particolare nella categoria dei MANGA, ovvero la controparte Giapponese dei nostri amati fumetti/graphic novels per chi fosse completamente digiuno dell'argomento.
Oltre a comprare, leggere e collezionare libri sono anche un compratore, lettore e collezionista di fumetti, graphic novels, manga e via dicendo dal lontano 1989; ne possiedo ad oggi qualche migliaio di moltissime case editrici.

Il tutto iniziò in maniera continuativa e costante, come per molti miei coetanei del tempo, con l'incontro in edicola con i personaggi Bonelli, e da lì in poi non ho più smesso; ho cambiato gusti svariate volte, ancor oggi mi trovo a rivendermi vecchie collane e serie per fare spazio a nuovi acquisti. Sto lentamente abbandonando le letture di quando ero ragazzo e potenziando la sezione delle graphic novels, delle edizioni BD francofone e dei grandi maestri italiani.

Il mondo dei MANGA è per me scoperta relativamente recente, diciamo degli ultimi 10 anni e forse meno; per tanti, troppi anni avevo snobbato questo settore delle "nuvole parlanti" considerandolo come territorio prettamente "infantile/giovanile", forse deviato dai titoli che andavano per la maggiore e per i tanti cartoni animati tratti da serie di cult e dedicati appunto ad un pubblico di ragazzi (qualcuno ha detto Dragon Ball?!). 
Grazie ai consigli del mio fumettaro di fiducia ho iniziato quindi a leggere alcune serie "per adulti" che in Giappone vengono raccolti sotto l'etichetta "SEINEN" che serve ad indicare che il contenuto della collana tratta argomenti per così dire maturi, quindi non indica un genere ma piuttosto una fascia di età consigliata: esistono difatti seinen di tantissimi generi come thriller, fantascienza, psicologia, horror e via dicendo.
Esistono poi altre categorie come gli SHOUJO (per ragazze adolescenti), gli SHOUNEN (per ragazzi adolescenti) e via diecndo.

Il titolo della collana che presento in questo articolo appartiene dunque alla categoria dei SEINEN a tutti gli effetti visto l'argomento trattato e alla drammaticità degli eventi proposti.


"Samurai Executioner" n.1, RW Srl – GOEN Division, sovraccoperta

SAMURAI EXECUTIONER
(Kubikiri Asa, 1972-1976)
di Kazuo Koike
RW s.r.l. - GOEN Division
Collana: Dansei Collection
2015/2016, brossura con sovraccoperta
Disegni: Goseki Kojima

Descrizione

"Samurai Executioner (Kubikiri Asa) è un’opera partorita dagli stessi autori del popolare Lone Wolf and Cub. La serie è stata serializzata in Giappone dal 1972 al 1976 e raccolta in 10 volumi. La storia è ambientata durante il periodo Edo, nel Giappone feudale, ed ha come protagonista Yamada Asaemon (soprannominato Kubikiri-Asa o Tagliateste Asaemon), una ronin che ha la responsabilità di collaudare le nuove spade per lo shogun. Egli è spesso chiamato anche a compiere esecuzioni capitali.
Molte delle storie narrate nella serie in realtà non si concentrano su Asaemon, ma sui tanti personaggi in cui questi si imbatte nello svolgimento del proprio importante incarico. Il più delle volte vengono narrate le vicende dei criminali che egli è incaricato di giustiziare, e che si raccontano prima di ricevere il colpo fatale.
Ogni volume è tratteggiato con grande accuratezza storica, anche se i personaggi del manga sono fittizi." (fonte: scheda AnimeClick.it)


"Samurai Executioner" n. 1-2-3-4, RW Srl - GOEN Divisione (ITA), 2015/1016

La serie è composta in patria da 10 volumi ed in Italia sono editi dalla GOEN che dovrebbe (usiamo il condizionale visti i trascorsi di questa casa editrice) proporlo in 14 uscite che definire "irregolari" è purtroppo un eufemismo.
Al momento sul mercato italiano sono usciti solo i pirmi 4 numeri e molto distanziati tra di loro, parliamo di diversi mesi l'uno dall'altro, mentre manca l'annuncio di un quinto tomo al momento...
La politica editoriale della GOEN è un mistero che molti cercano di decifrare inutilmente, le pubblicazioni delle diverse serie in loro possesso sfuggono ad ogni logica ed i lettori sono (me compreso) altamente frustrati nel vedere molte delle loro serie paralizzate, o quando va bene rallentate all'inverosimile; l'impressione mia personale è che si stia cercando di trovare il titolo FORTE in grado di fare da traino anche per quelli meno venduti e forse in perdita, pubblicando un albo in grado di fare buoni realizzi e reinvestendo parte di quanto raccolto nel portare avanti con fatica serie avviate.
Molti lettori, stufi di questi intoppi hanno deciso di non comprare più nuove serie dell'editore fino a quando non vi sia la dimostrazione tangibile di una politica editoriale più continua ed affidabile nella conclusione delle serie in corso; così facendo però non si fa altro che peggiorare la situazione sottraendo ulteriori risorse alla casa esitrice che non potrà fare altro che ridimensionarsi sempre più secondo il mio parere; ecco perchè nonostante il mio scetticismo proseguo nell'acquisto di questo manga ben sapendo che la possibilità di portarlo a termine è piuttosto remota, ma ancor più remota lo sarebbe se decidessi di tagliare l'acquisto a mia volta no?!
Sarebbe un peccato perchè questa serie, come altre di questa casa editrice, denotano un lodevole tentativo di proporre al pubblico italiano opere di alta qualità piuttosto "di nicchia" e denotano un buon gusto e una visionie editoriale a cui non si può che applaudire...ma come si sà non sempre la qualità è foriera di alte vendite in Italia, anzi...


"Samurai Executioner" n. 1, RW Srl – GOEN Division, copertina

Tornando a bomba al manga e abbandonando le speculazioni editoriali noiose veniamo ad illustrare brevemente l'opera. Dal primo volume di Samurai Executioner veniamo subito introdotti in un contesto storico riprodotto fedelmente, teatro sanguinoso di episodi barbarici atti di violenza e di punizioni redentive con la spada attraverso le gesta del carismatico protagonista: Yamada Asaemon, un samurai senza padrone (ronin) discendente di una famiglia specializzata nel collaudo di nuove spade per lo Shogun, molto spesso tramite esecuzioni capitali.
Asaemon, come suo padre e suo nonno prima di lui, è un vero e proprio maestro nell’utilizzo della spada, nonché il classico Samurai dal cuore di ghiaccio; ci viene presentato e proposto come personaggio altamente carismatico e granitico, oltre alle trame, sono i disegni che ci rendono perfettamente questa sua caratteristica con espressioni, movenze conditi da lunghi silenzi carichi di tensione ma anche di ascetismo e spiritualità.
Il protagonista è davvero un bel personaggio che riesce a incutere timore a tutti quelli che incontra, ma nonostante ciò si dimostra sempre un personaggio se non positivo e giusto, almeno retto e altamente ligio alla legge e alle istituzioni, incorruttibile e tutto d'un pezzo.


"Samurai Executioner" n. 1, RW Srl – GOEN Division, copertina

I capitoli che si susseguono nei 10 volumi dell’opera raccontano in parte la storia del protagonista e spesso anche e soprattutto le vicende dei vari criminali che di volta in volta verranno giustiziati dal protagonista: a tenere insieme il tutto vi è una straordinaria descrizione storica, delle ambientazioni e di tutte le usanze che pian piano vengono scoperte e/o raccontate. A tratti sembra di leggere un opera illustrata di letteratura giapponese con scene di violenza, sesso piuttosto crude e ciniche con finali dei singoli racconti episodici in cui sono divisi i volumi, particolarmente drammatici e carichi di tensione narrativa e pathos.
Non raramente si riesce a provare una forte empatia e compassione per molte delle future vittime della giustizia di Asaemon nonostante sia indubbia la loro colpevolezza e turpitudine morale; come se l'impassibile freddezza della giustizia rilevasse e mettesse in luce un certo "calore", la passione presente nelle vite di queste persone abbiette, cattive, turpi ma comunque indicative della diverse sfaccettature del bene e del male dell'umanità.


"Samurai Executioner" n. 3 RW Srl – GOEN Division, copertina

Un individuo che sembra godere della calma in quanto virtù di chi non è coinvolto. Con inumana freddezza riesce a gestire ogni situazione che gli si pone davanti soppesandola con la bilancia della giustizia ma anche del buonsenso e all’occorrenza facendo calare in maniera inesorabile la sua lama per la legittima punizione.
Questa è un po’ il canovaccio standard su cui vengono costruite le storie dei personaggi che si incrociano col nostro protagonista, regalandoci episodi violenti distinti dalle peculiarità delle persone che in un modo o in un altro ne sono coinvolte. Non c’è mai un vero “lieto fine” ma ad ogni modo la legge fa il suo corso tramite il castigo del proprio esponente.


"Samurai Executioner" n. 3 RW Srl – GOEN Division, copertina

Per chi come me è nato a metà degli anni '70, questo manga non può non far venire in mente uno dei numerosissimi cartoni passati nelle TV locali a partire dai primi anni '80 ovvero “L’invincibile shogun” che per alcuni aspetti temporali e storici può essere accumunato al manga di questo articolo; anche se i toni più leggeri e gli argomenti meno cruenti adatti ad un pubblico giovanile ne fanno un prodotto altresì completamente differente. Per approfondimenti non mancherò di segnalare alcuni link alla fine di questo articolo, compreso url alla mitica sigla TV del cartone animato che faceva sobbalzare e cantare a squarciagola in un giapponese maccheronico molti di noi bambini bramosi di avventure. Quanti ricordano la soddisfazione viscerale provata quando l'anziano membro del gruppo si rivelava alla fine degli episodi mostrando il "sigillo" dello shogun (in realtà un daimyo) prima di elargire la sua insindacabile sentenza di giustizia!!


"L'invincibile Shogun", cartone animato (anime) giapponese, 46 episodi, 1981-1982

Tornando al manga, l’edizione proposta da GOEN è ben fatta, ottima impaginazione e molto chiari i numerosi rimandi fuori dalle tavole alle numerose citazioni storiche, ai nomi giapponesi ed alla spiegazioni a fondo albo. Il volume è provvisto di sovracopertina
Un manga sicuramente adatto ad un pubblico adulto per le tematiche crude descritte, ed anche per appassionati di Manga di livello, magari vogliosi di conoscere qualcosa in più su un periodo storico affascinante come quello EDO portati per mano da disegni efficacissimi nella loro crudezza ricchi di sfumature e bianco/neri molto potenti e d'effetto.
I disegni vintage sono a tutti gli effetti spettacolari; possono piacere e meno a seconda dei gusti ma indubbia è la loro potenza ed efficacia narrativa. 
Per meglio rendere l'idea vi riporto quattro fotografie dei 4 capitoli che compongono il primo volume della serie e che fanno riferimento alle prime 4 esecuzioni del nostro protagonista.

1. Prima esecuzione: Il pianto di Onibocho


"Samurai Executioner" n. 1, RW Srl – GOEN Division, capitolo 1

2. Seconda esecuzione: Yoshitsugu, il terzo Asaemon Yamada


"Samurai Executioner" n. 1, RW Srl – GOEN Division, capitolo 2


3. Terza esecuzione: La superba ballata dei fuochi Ruri


"Samurai Executioner" n. 1, RW Srl – GOEN Division, capitolo 3


4. Quarta esecuzione: Tosho Daigongen


"Samurai Executioner" n. 1, RW Srl – GOEN Division, capitolo 4

Per chi conosce la lingua inglese e volesse comprare la versione (completa) dell'opera senza aspettare e confidare nell'editore italiano GOEN, è disponibile una versione estera edita dalla casa editrice statuinetense DARK HORSE in 10 volumi di cui riporto una immagine creata a partire dalle copertine dei primi 4 tankobon in modo da poterli direttamente confrontare con la versione italiana; a fine articolo link alla scheda nel dettaglio.


"Samurai Executioner" n. 1-2-3-4, Dark Horse (USA), 2004

Esiste inoltre un'ulteriore versione sempre della DARK HORSE del 2014 che accorpa in 4 volumoni (omnibus) di oltre 700 pagine l'uno, l'intera serie e risulta di più facile reperibilità tramite i consueti canali di acquisto online (ebay, Amazon, Abebooks e via dicendo).


"Samurai Executioner - Omnibus" n. 1-2-3-4, Dark Horse (USA), 2014

Per riassumere:

PRO:
  • samurai (ronin per essere precisi)
  • bushido, giappone feudale (ecchettelodicoaffare!)
  • contesto storico riprodotto fedelmente e approfonditamente
  • disegni vintage splendidi e di grande impatto emotivo

CONTRO:
  • cura editoriale di alcuni volumi non impeccabile
  • cambio in corsa dello stampatore con tutte le conseguenze del caso (neri, colori, ecc..)
  • periodicità troppo variabile
  • rischio interruzione/limbo serie piuttosto elevato
Concludo con alcuni link a corredo:

Scheda su wikipedia della serie:

Scheda si animeclick della collana manga:

Scheda su wikipedia della serie TV:

Meravigliosa sigla TV dell'Invincibile Shogun, un salto negli '80 assicurato!
Scheda versione USA TPB:

Scheda vertsione USA OMNIBUS:

Per qualsiasi domanda, suggerimento, puntualizzazione o altro contattatemi tramite messaggio sul blog, email o su Anobii.


Buona lettura! 

martedì 6 dicembre 2016

SULLE ROTTE DELL'IMMAGINARIO (COLLANA) - SERGIO TOPPI

"Sulle rotte dell'immaginario", Sergio Toppi, Edizioni Paoline, 12 vol + 2, 2010-2011

Correva l'autunno del 2010 e nelle edicole italiane arrivò come un fulmine a ciel sereno una collana settimanale di uno dei Grandi Maestri italiani ed internazionali del fumetto e dell'illustrazione: Sergio Toppi.
Personalmente fu per me, amante del medium ma digiuno di opere di questo autore, una notizia grandiosa e, inutile dirlo, fu uno degli acquisti a cavallo del 2010-2011 che attendevo con maggiore trepidazione di settimana in settimana.

A partire dal 28 ottobre, per la durata di dodici settimane, venne dunque distribuita la collana intitolata "Sulle rotte dell'immaginario" in abbinamento con Il Giornalino e Famiglia Cristiana; realizzata in collaborazione con il Museo Italiano del Fumetto e dell’Immagine di Lucca. Ciascuno dei dodici volumi conteneva 180 pagine di fumetto e 120 illustrazioni in bianco e nero e colori al costo di 9,90 €.

In realtà la collana Sulle rotte dell'immaginario si presenta come un'insieme distinto di 2 iniziative in successione (12 + 2 volumi), la prima dedicata a Toppi ed intitolata Toppi - Il viaggiatore immobile, e la seconda dedicata al 150° anniversario dell'Unità d'Italia ed intitolata Storie dell'Unità d'Italia

La qualità dei materiali e della stampa, la scelta dei contenuti ed altri aspetti dell'opera furono oggetto di discussioni tra le community di lettori in rete con opinioni (come quasi sempre accade in questi casi) molto eterogenee e diversificate.
Di questo parleremo brevemente nell'articolo per dare una visione il più possibile completa della collana ai profani e/o a chi volesse decidere un recupero (che consiglio caldamente!).

 
"Sulle rotte dell'immaginario", Sergio Toppi, locandina pubblicitaria n. 1
 
SULLE ROTTE DELL'IMMAGINARIO
(
Toppi - Il viaggiatore immobile + Storie dell'Unità d'Italia, 2010-2011)
di Sergio Toppi e AA.VV. (Decio Canzio, Roberto Dal Prà, Roberto Genovesi, Claudio Nizzi, Giuseppe Ramello, ...)
EDIZIONI SAN PAOLO
brossurato con alette, 21x28 cm, illustrazioni b/n e colori, 9,90 €
180 pagine
Illustrazioni:
Sergio Toppi e AA.VV. (Francesco Artibani, Ivo Milazzo, Carlo Ambrosini, Giorgio Cavazzano, Pasquale Frisenda, Corrado Mastantuono, Marco Nizzoli)

Descrizione

"Sulle rotte dell'Immaginario è la collana edita da Edizioni San Paolo dedicata a Sergio Toppi. Composta da dodici volumi e due volumi finali, rappresenta il giro del mondo nato dalla fervida fantasia del "viaggiatore immobile" Sergio Toppi, che mai si è allontanato dalla sua scrivania, ma che è stato in grado di rappresentare magnificamente i popoli della Terra cogliendone le caratteristiche, ritraendone gli usi, le tradizioni e i costumi. L'iniziativa, realizzata in collaborazione con il Museo del Fumetto e dell'Illustrazione di Lucca e con il Ministero dell'Istruzione, comprende ristampe e numerosi inediti del Maestro milanese. I due volumi finali, "150° - Storie d'Italia", integrano l'opera dedicata a Sergio Toppi, affiancato in questa narrazione della storia italiana da autori del calibro di Ambrosini, Artibani, Milazzo, Frisenda, Mastantuono e Nizzoli.". La vita di persone comuni attraverso i 150 anni dalla nascita del nostro Paese raccontate dal tratto di otto grandi autori del fumetto: Francesco Artibani, Ivo Milazzo, Carlo Ambrosini, Giorgio Cavazzano, Pasquale Frisenda, Corrado Mastantuono, Marco Nizzoli e Sergio Toppi"

L'autore

"SergioToppi: Nato a Milano nel 1932, è oggi considerato uno dei maggiori artisti del fumetto, in Italia e all'estero. Ha disegnato le sue storie per il Corriere dei Piccoli, il Messaggero dei Ragazzi, Linus, Alter Alter, Corto Maltese, L'Eternauta, Comic Art, Bonelli e, naturalmente, ha collaborato decenni con il Giornalino. Ha vinto numerosi premi internazionali e lo stile inconfondibile ha ispirato autori di altissimo livello come come Frak Miller, Tom Palmer, Howard Chaykin, Walter Simonson."

Qui di seguito riporto l'elenco dei 12 volumi dell'opera principale dedicata a Toppi con l'immagine del singolo volume e l'indice delle opere contenute all'interno, indicando anche se b/n o colore, i testi e eventuali serie a cui appartengono.

Vol. 01 - AFRICANE


"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 01, Africane
  • L'obelisco assassino (serie: "Il Collezionista" Vol.02: L'obelisco della terra di Punt)
  • L'uomo del Nilo (serie: "Un uomo un'avventura", testi di Decio Canzio)
  • Notte africana (testi di Roberto dal Prà) (colori)
  • M'Felewzi

Vol. 02 - MEDITERRANEE

"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 02, Mediterranee
  • Caterina da Siena (colori)
  • Galileus
  • Favola toscana
  • Verrà Orlando
  • Perché brigante
  • Le avventure possibili
    • Qualcosa di più comune di un incendio
    • Le cose nascoste
    • Il mantello di San Martino
Vol. 03 - EUROPEE

"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 03, Europee
  • Leone il grande (colori)
  • Carlo Martello (colori)
  • Federico II (testi di Roberto Genovesi) (colori)
  • Tommaso Moro (colori)
  • Sobieski (colori)
  • Il dossier Kokombo
  • Storie della Prima guerra mondiale
    • Come un orso inferocito
    • Saint-Acheul '17
Vol. 04 - MEDIORIENTALI


"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 04, Mediorientali


  • Sharaz-De
    • La lunga notte
    • Falco, falco amico mio
    • Ti guarirò. mio signore
    • Ho atteso mille anni (colori)
    • Non pronuncerai quel nome
    • Mudgiajd e il suo Re
    • Ti seguirò come un cane
    • Una città di nome Abunihswar
    • La pietra mancante
    •  
Vol. 05 - ORIENTALI




"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 05, Orientali

  • Tanka
  • Haiku - brevi poesie nipponiche
    • Una spada per Kimura
  • Storie del mondo fluttuante
    • Sato
  • Ukiyo-è haiku & suspense
    • Ogari 1650
  • Il ritorno di Ishi (colori)
  • Momotaro (colori)
 
Vol. 06 - INDOASIATICHE




"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 06, Indoasiatiche
  • Gengis Khan (testi di Roberto Genovesi) (colori)
  • Un tartaro di nome Barnaba
  • La collana di Padmasumbawa (serie: "Il Collezionista" Vol.05)
  • Sandokan (testi di Claudio Nizzi) (colori)
  • La lacrima di Timur Leng (serie: "Il Collezionista" Vol.03)
  • Il tesoro di Yazid (colori)
  • Dimmi perché, signore

    Vol. 07 - AUSTRALI


    "Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
    Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 07, Australi

     
  • Algarve 1460
  • ...la terra che si nasconde (testi di Lambert) (colori)
  • Isola gentile
  • Viso nascosto
  • Lo scettro di Muiredeagh (serie: "Il Collezionista" Vol.04)
  • Warramunga 1856
Vol. 08 - LATINOAMERICANE
  
"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 08, Latinoamericane

  • Ipotesi 1492 (colori)
  • Tzoacotlan 1521
  • Pizarro nel cuore delle Ande (colori)
  • Il tesoro di Cibola (colori)
  • San Isidro Maxtlacingo 1850
  • Chapungo
  • Sacsahuaman 1977
  • La leggenda di Potosì (colori)
Vol. 09 - AMERINDE
 

 
"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 09, Amerinde

  • Little Big Horn
  • Finché Vivrai (colori)
  • L'Uomo Delle Paludi (serie: "Un uomo un'avventura")
  • Katana (colori)
  • Il Calumet di Pietra Rossa (serie: "Il Collezionista" Vol.01)

    Vol. 10 - NORDICHE

"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 10, Nordiche

  • Il Re e il Corvo
  • Black and Tan
  • Kas-Cej
  • L'amore alla Vita (colori)
  • Ogoniok
  • Il Richiamo della Foresta (colori)
  • Pribiloff 1898
  • Aioranguaq
 
Vol. 11 - SACRO



"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 11, Sacro


  • Dio minore
  • Falegname in Galilea
  • La Vedova (serie "In quel giorno...", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • L'Albero a Emmaus (serie "Un uomo chiamato Gesù", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Pastore in Prova (serie "In quel giorno...", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Dottore della Legge (serie "In quel giorno...", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Il Tesoro di Eleazar (serie "Un uomo chiamato Gesù", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Il Vino di Osea (serie "In quel giorno...", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • La Barca (serie "Un uomo chiamato Gesù", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Joiba e Simone (serie "Un uomo chiamato Gesù", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Il Giovane Pescatore (serie "Un uomo chiamato Gesù", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Nathan il Ladro (serie "In quel giorno...", testi di Giuseppe Ramello) (colori)
  • Ambrogio di Milano (testi di Roberto Genovesi) (colori)

    Vol. 12 - IGNOTO 

"Sulle rotte dell'immaginario", Toppi - Il viaggiatore immobile
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 12, Ignoto

  • Krull
  • Hortuge
  • Köllwitz 1742
  • Myetzko (colori)
  • Puppenherstellerstrasse 89
  • Funghi
  • Cavaliere di Ventura
  • Il Pianeta dei Perché
  • Posto di Frontiera (colori)
  • L'Incontro
  • Rio dei Mendicoli
  • Una Grave Lacuna
  • Ubica (testi Maurizio Mantero-Sergio Toppi)

Ed infine i 2 volumi aggiuntivi della collana, ovvero: Storie dell'Unità d'Italia, all'interno dei quali oltre a Sergio Toppi stesso sono presenti numerosi altri artisti di altissimo livello quali ad esempio: Pasquale Frisenda, Carlo Ambrosini, Giorgio Cavazzano, Corrado Mastantuono, Ivo Milazzo, Renzo Calegari, Sergio Tisselli e Francesco Artibani.

Vol. 13 - IL LUNGO CAMMINO



"Sulle rotte dell'immaginario", 150° Storie dell'Unità d'Italia
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 01, Il lungo cammino

 Vol. 14 - UN'AVVENTURA COMUNE


 "Sulle rotte dell'immaginario", 150° Storie dell'Unità d'Italia
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, Vol. 02, Un'avventura comune

Qui di seguito una "locandina" pubblicitaria" di questi 2 volumi.


"Sulle rotte dell'immaginario", 150° Storie dell'Unità d'Italia
Sergio Toppi, Edizioni Paoline, locandina pubblicitaria


Alcune splendide "locandine pubblicitarie" della collana presenti sui siti dell'editore o del Museo nazionale del fumetto.

 

"Sulle rotte dell'immaginario", Sergio Toppi, locandina pubblicitaria n. 2"


"Sulle rotte dell'immaginario", Sergio Toppi, locandina pubblicitaria n. 3"


"Sulle rotte dell'immaginario", Sergio Toppi, locandina pubblicitaria n. 4" 

A questo punto dedichiamo qualche riga per approfondire l'argomento relativo ai contenuti, al livello di completezza, ordine cronologico e alla qualità complessiva.
La cronologia originale delle sue storie non è stata dunque seguita ed è essa stessa di difficile tracciatura viste la vastità e le numerose collaborazioni dell'artista nel corso della sua decennale carriera.
Per rimanere ad esempio solamente su uno dei personaggi più famosi della sua opera ovvero Il Collezionista, le diverse storie si potranno ritrovare sparse nei diversi volumi ed in maniera non completa, mentre altre come Sharaz-de sono presentate quasi interamente in un unico volume per la gioia dei lettori che possono godere di questa meravigliosa opera tutto d'un fiato in una esperienza altamente gratificante.
Altra nota positiva dell'intera collana è la presentazione nel complesso di gran parte della produzione di Toppi in volumi eleganti e accessibili a tutti, comprese numerosissime illustrazioni singole a tutta pagina sia in b/n che colore, venendo a costituire una sorta di sua opera omnia o quasi.

Le note negative riguardano perlopiù l'allestimento editoriale che non ha soddisfatto tutti gli acquirenti e soprattutto i "puristi" di Toppi, ovvero quei lettori-collezionisti abituati a comprare e fruire l'opera del Maestro tramite edizioni cartonate e lussuose edite da altri editori o addirittura propietari di cofanetti e portfoli ad edizione limitata di illustrazioni; così come si possono trovare a prezzi proibitivi su numerosi siti di vendita online.

Lungi da me il criticare questo tipo di lettore-collezionista, anzi, ma in questo caso siamo di fronte al tentativo di presentare un autore non proprio popolare in una collana il più possibile completa al grande pubblico; operazione riuscita parzialmente anche a causa di una distribuzione dell'opera alquanto discutibile.

Per quanto riguarda nel dettaglio la confezione: buona la brossura e discreta la qualità della carta, ma forse si poteva migliorare la resa complessiva della stampa, dato che molti hanno sollevato critiche più o meno pesanti sulla resa dei colori, talvolta con dei fuori registro e del b/n, talvolta sbavato e poco brillante e netto. La resa della stampa è sempre un punto importante nella produzione dei fumetti e delle illustrazioni ma si può dire che diventi essenziale e cruciale in maniera preponderante nella presentazione dell'opera di artisti come Toppi che fanno del tratto fitto e della bellezza dell'intreccio di china e colori la loro caratteristica essenziale. 
Riporto pedissequamente la splendida definizione che di Lui ne fece Angelo Nencetti, direttore del Museo del fumetto e dell'Immagine di Lucca in una intervista relativa a questa iniziativa: "A Sergio Toppi è dedicata la prima parte, nella cui opera grafica emergono la sua caratteristica dissoluzione del perimetro della vignetta, la verticalità, il tratto definitivo, l'abbacinante uso del bianco e nero, il particolare utilizzo del "fuori campo" che creano grafismi unici e riconoscibili."
 
Credo che questa immagine ben si addica alle parole riportate per mostrare lo stile unico di qesto grande Maestro:



In alcuni casi il problema era da imputare agli impianti originali e non alla stampa in sè, per cui ci si è dovuti accontentare di riproduzioni non proprio ottimali su volume.
Molti lettori hanno poi storto il naso di fronte alla decisione di proporre l'opera in brossura invece di pensare ad una cartonatura dei volumi, perché la semplice brossura con bandelle  non rappresenta di certo il massimo dell’eleganza per questo tipo di opere vista anche l'importanza dell'autore proposto che in effetti avrebbe meritato di qualcosa di più nella confezione.
Altri autori ed altre opere (forse più noti anche agli avventori casuali dell'edicola) come quelle di Corto Maltese o di Manara ad esempio, sono state presentate in passato come collane da edicola con rilegatura cartonata e cura editoriale del prodotto superiore in più parti e ad un prezzo in linea con quella di questa collana.

Per quanto riguarda invece l'apparato critico bisogna dire come manchino quasi completamente note esaustive e approfondimenti dedicati alle singole storie proposte nel volume, mentre invece si sia dato molto spazio nel proporre informazioni dettagliatissime sulle illustrazioni.

Riassumendo dunque, mi sento di consigliare l'acquisto senza se e senza ma; il prezzo a cui la si può trovare non è distante dal prezzo originale dei singoli volumi, spesso addirittura meno, ovvero il tutto attorno ai 100/120 €.
Il fatto che non si sia rivalutata negli anni (così come successo ad esempio per altre collane da edicola dedicate a grandi autori) è indicativo di come il mercato "rigetti" parzialmente queste iniziative qualora non rispettino in toto canoni di eccellenza nel trattare i grandi del fumetto.
La presenza di una rilegatura cartonata e la presenza di un apparato critico più imponente avrebbe reso quest'opera una vera e propria pietra miliare dell'editoria degli ultim anni.

PRO:
  • prima collana da edicola interamente dedicata Toppi
  • rapporto qualità/prezzo dell'opera più che buono
  • presenza di storie e illustrazioni inedite
  • un'opera imprescindibile per gli amanti del fumetto e delle illustrazioni d'autore
CONTRO:
  • qualità di stampa sia b/n che colori non sempre ottimale
  • rilegatura in brossura con alette e non cartonata come avrebbe meritato
  • distribuzione nelle edicole molto lacunosa con medio/bassa reperibilità
  • apparato critico e di approfondimento migliorabile
Per approfonimenti ulteriori lascio alcuni link:

Scheda dell'autore su wikipedia:
Parziale cronologia dell'autore su Glamazonia:
Immagini di una delle opere più osannate di Toppi:
Video presentazione dell'opera su Youtube:
Pagina Facebook dedicata all'opera:
Discussione dedicata all'opera su forum Comicus:

Per qualsiasi domanda, suggerimento, puntualizzazione o altro contattatemi tramite messaggio sul blog, email o su Anobii.

Le immagini e i marchi sono © dei legittimi proprietari e sono inseriti al solo scopo informativo.

Buona lettura!