martedì 20 settembre 2016

TUTTE LE SABBIE DI MARTE! EDIZIONI, STORIA, CURIOSITA'



Alcuni di voi si staranno chiedendo come mai possegga non 1 bensì 5 copie dello stesso libro, e altri ancora si domanderanno inoltre di che libro si tratti e perchè meriti un post su questo blog; per queste domande e per molte altre che potrebbero avervi portati qui, continuate a leggere.
"Le sabbie di Marte" è un libro unico nel suo genere per quanto riguarda: importanza storica nel panorama editoriale italiano (della fantascienza certo, ma anche in generale), il suo valore collezionistico, la sua storia editoriale in termini di stampe, ristampe, copie originali in più versioni, copie anastatiche e molto altro!
  
Per prima cosa, com'è d'obbligo, ecco i dati riguardanti la 1a edizione italiana di questo libro:

LE SABBIE DI MARTE
(The Sands of Mars)
di Arthur C. Clarke
MONDADORI
Collana: Urania (I Romanzi di Urania) n. 1
Traduzione: Maria Gallone
1952, brossura
160 pagine
Isbn-10: non presente

Descrizione

La prima nave di linea regolare fra i pianeti, l'Ares, è al suo viaggio inaugurale. Porta su Marte, tra gli altri, lo scrittore di fantascienza Martin Gibson, che sarà testimone delle dure lotte dei pionieri per colonizzare il pianeta: un mondo quasi privo di vegetazione e poverissimo di ossigeno, sul quale uomini coraggiosi combattono per rendere migliore quella che considerano la loro nuova patria. Pubblicato nel 1951, dieci anni prima del volo di Gagarin, e già l'anno seguente tradotto in Italia per inaugurare la gloriosa collana "Urania", "Le sabbie di Marte" è un romanzo visionario e avvincente che ha saputo anticipare gli sviluppi tecnologici e scientifici dei decenni successivi. Clarke dimostra di essere non solo uno straordinario profeta dei viaggi spaziali, ma anche, e soprattutto, un grande scrittore, capace di restituirci con mirabile immediatezza la suspense e l'emozione del viaggio di esplorazione, la piccolezza delle ambizioni umane trapiantate sul nuovo pianeta e la grandezza d'animo dei pionieri della colonizzazione marziana.(fonte: scheda IBS)

L'autore 

Arthur Charles Clarke non è satato solo un grande scrittore di fantascienza, ma anche un fine pensatore e uno degli scienziati più prolifici del secondo dopoguerra; nato a Minhead (Regno Unito) il 16 dicembre 1917 e morto a Colombo (Sri Lanka) 19 marzo 2008, è stato questo e molto altro ancora. Conosciuto dal grande pubblico per essere il co-autore della scenografia di “2001, Odissea nello Spazio (elaborata a partire dal suo racconto "La sentinella") da molti considerato autentico capolavoro della cinematografia moderna e tra i film più influenti di sempre, lo scrittore e scienziato britannico è autore di molti altri libri e saggi scientifici. I suoi romanzi di science fiction gli sono valsi nella sua carriera diversi premi letterari internazionali (tra questi, molti Premi Hugo e Premi Nebula), oltre a renderlo negli anni uno degli scrittori maggiormente amati da milioni di affezionati lettori in tutto il mondo. E' tutt'oggi considerato, insieme con Isaac Asimov e Robert Heinlein, uno dei Big Three (“tre grandi” in italiano) della letteratura fantascientifica mondiale di tutti i tempi.

Trattasi dunque del primo libro in assoluto uscito nel lontano 1952 della collana di libri di fantascienza più longeva d'Italia (e forse del mondo) ovvero: URANIA. 
Cosa sia Urania (inizialmente edita con il nome "I romanzi di Urania") e cosa rappresenti per il panorama editoriale italiano e della SF in particolare sarà oggetto di un articolo prossimo venturo; per ora vi basti sapere che ad oggi (settembre 2016) potete trovare in edicola il libro della collana Urania n. 1634, sì avete letto bene, in edicola si vendono anche libri e riviste ed esiste una collana di libri che consta di 1634 (miiiiiiiiiille-seiceeeeeento-trentaquaaaaaaattro) volumi!!!

(P.S. i volumi della collana completa in realtà sono addirittura 1634 + 8 = 1642 comprendendo anche i numeri "bis" usciti quando la collana era quindicinale come numeri di settimane intermedie.)

Ah, ecco arriva il fenomeno!! Già me lo vedo fare il rapido calcolo mentale: (2016-1952) * 12 =  768 uscite mensili mica 1634 come dici tu!!


Classica posa del pignolone alla conclusione del calcolo

A questo novello genio del calcolo matematico andrebbe spiegata approfonditamente la storia editoriale di Urania che, nei periodi di massimo splendore, arrivò ad avere addirittura uscita settimanale, ma ne faremo a meno e ci limiteremo ad elargire una benevole carezza sull'unto coppino.
Sì avete letto bene, ci sono stati tempi in cui tanta ma tanta gente (non mosche bianche come oggi) riusciva a leggere addirittura 1 libro a settimana, paura eh...da non crederci...vi vedo già leccarvi le dita e lanciarvi stabletizzando e smartphonizzando su google per vedere se ciò corrisponda a verità o meno!

Ok, ok sto ironizzando su un dramma sociale, sul calo drastico dei lettori in Italia e sulla morte imminente della editoria di massa...sigh...da lettore "forte" tutto ciò mi rattrista molto ma non ho aperto questo blog per fare il Solone ed intraprendere crociate contro l'uso smodato degli smartphones a discapito della lettura quindi chiuderò qui la tristissima parentesi. (per ora...)

Tornando in tema, come dicevo,  "Le sabbie di Marte" è molto più di un semplice libro di fantascienza, esso rappresenta una sorta di starting point in Italia della SF da edicola (seguiranno le varie Galaxy, Galassia e via dicendo), una pietra miliare, un oggetto da collezione, un sacro totem per ogni amante della letteratura di fantascienza, da leggere e rileggere, imbustare, mettere in vetrina e adorare come un dio pagano!

Immagino alcuni di voi annuire di fronte a questa volutamente esagerata apologia del volume (e ci siete tutti: lettori di Urania incalliti, amanti della SF, collezionisti di libri in genere, feticisti della carta ingiallita) e molti altri sorridere invece malignamente con fare paternalistico e comprensivo (non prima però di avere whatsappato in 18 chat, spedito 4 email e risposto a 22 SMS!).

Per quanto riguarda l'argomento collezionismo vale la pena elencare qui sotto le diverse edizioni/ristampe italiane de "Le sabbie di Marte" edite ad oggi in Italia per poi soffermarci in seguito brevemente su ognuna di esse nel dettaglio:

  • "Le sabbie di Marte", collana Urania n. 1, Arnoldo Mondadori Editore, 1952
  • "Le sabbie di Marte", collana Urania n. 402, Arnoldo Mondadori Editore, 1965
  • "Le sabbie di Marte e otto racconti", Club degli editori, 1976
  • "Le sabbie di Marte", collana Classici Urania n. 7, Arnoldo Mondadori Editore, 1977
  • "Le sabbie di Marte", collana Urania n. 1 (ristampa anastatica), Arnoldo Mondadori Editore, 1982
  • "Le sabbie di Marte", collana Oscar I grandi della Fantascienza n. 3, Arnoldo Mondadori Editore, 2014
  • "Le sabbie di Marte", collana Urania Collezione n. 150, Arnoldo Mondadori Editore, 2015

L'elenco qui sopra dunque si apre ovviamente con la 1a edizione italiana del libro, classe 1952, oltre 60 anni fa...gli anni del dopo-guerra, della ricostruzione, dei libri/libretti/romanzi e romanzetti venduti a secchiate nei chioschi delle stazioni, delle piazze. Bambini con i calzetti corti e un giornaletto tutto stropicciato infilato nel retro dei calzoncini:


Se mettete il colore, cambiate gli abiti e modificate il negozio in un punto vendita di telefonini....siamo nel 2016

Ove possibile inserirò immagini prese dalla mia collezione privata e non immagini prese da internet, roba da siùri insomma...
Si parte col la copertina del n. 1 del 1952 della collana madre Urania; la copertina è opera di uno dei maggiori illustratori di quel periodo, ovvero Curt CAESAR, il quale ha ricoperto il ruolo di copertinista principale della serie per oltre 150 numeri negli anni a venire. Ovviamente consiglio di andarsi a cercare queste meravigliose illustrazioni. Trattasi ovviamente della versione più ambita, per ovvi motivi; il prezzo è salito molto negli ultimi anni, da poche decine di euro siamo oramai stabilmente attorno ai 100 € a copia, con punte di 150/200 € in base al punteggio nella scala di valutazione LEM creata dagli appassionati di Urania e di cui lascio link sotto nelle schede di approfodimento:


Urania n. 1 , Arnoldo Mondadori Editore, 1952

A seguire la copertina della 1a ristampa dell'opera, riproposta sempre all'interno della collana Urania (sono molti i libri ristampati nel corso dei decenni) 13 anni dopo nel 1965 con il n. 402. Questa edizione si caraterizza in particolare per una nuova veste grafica della collana (tra le molte adottate nei decenni) detta "Losanga 2 - immagine nel cerchio" e per avere la copertina disegnata dal Re delle copertine (non me ne vogliano tutti gli altri) di Urania ovvero Karel THOLE, autore di centinaia e centinaia di splendide ilustrazioni non solo per la collana madre (a lui verrà dedicato un apposito post prima o poi). Lo si trova facilemente, prezzo: 3/5 €.


Urania n. 402 , Arnoldo Mondadori Editore, 1965

Di volata si arriva al 1976, anno in cui il tanto famoso, o famigerato dipende a chi lo chiedi, Club del Libro ripropone questo romanzo all'interno di una pregevole edizione, cartonata con sovraccoperta, che include oltre al romanzo ulteriori 8 racconti di Clarke (tra cui "La sentinella") con copertina di Richard BROWNER e prefazione di Stefano BENVENUTI. Reperibilità buona, prezzo attuale attorno ai 5/10 €.


Club del libro Editore, 1976

L'anno successivo, siamo nel 1977,  ritroviamo una ennesima "ristampa" in casa Mondadori. Trattasi di una delle tante collane spin-off generatesi negli anni a partire dalla principale Urania, ovvero la collana Classici Urania. Questa collana riproponeva romanzi e antologie di fantascienza del passato, considerati appunto classici, molti dei quali erano già apparsi nella collana "madre. Il primo numero esce nell'aprile del 1977, l'ultimo nel dicembre del 2002. Dopo 309 uscite, infatti, la collana chiude, sostituita da Urania Collezione. E' il n. 7 dei 309 reperibili; nol molto da segnalare se non la copertina ad opera sempre di Karel THOLE in una versione molto simile a quella di Urania n. 402, tanto da far pensare ad una modifica grafica più che ad una opera nuova, ma ci sarebbe da approfondire. Reperibilità ottima, prezzo molto basso, si trova anche a 1/2 € online, nei reminders, ecc.


Classici Urania n. 7 , Arnoldo Mondadori Editore, 1977

Eccoci alla vera prima edizione curiosa, correva l'anno1982, avevo 8 anni e anche io come tanti mi esaltavo guardando le gesta sportive della Nazionale di calcio in Spagna, una cavalvata trionfale...eppure qualche strano individuo preferiva leggere, assurdo vero?! La collana ammiraglia di Urania compiva 30 anni ed ecco che Mondadori decise di festeggiare il trentennale della collana creata da Monicelli con l'emissione di un esemplare speciale, riservato agli abbonati: la copia anastatica del n. 1.
Che cos'è una copia anastatica? La definizione è: edizione di un testo antico (o un'opera) fuori commercio, ottenuta attraverso la riproduzione fotolitografica dello stampato originale. In pratica si tratta di una riproduzione di tipo fotografico, apparentemente identica, fatto salvo l’impiego di nuovi materiali e nuove tecnologie editoriali. Secondo molti collezionisti la copia anastatica è molto rara "data la bassa tiratura, addirittura inferiore a quella dell'originale".
Nonostante queste premesse e la probabile tiratura minore, haimè, questa versione non raggiunge i prezzi del n. 1 origianel del 1952 con buona pace di chi ne possiede una o più copie da vendere!  Reperibilità discreta, prezzo medio tra i 30/45 € a seconda delle condizioni.


Urania n. 1 (anastatica) , Arnoldo Mondadori Editore, 1982

Passano 32 anni e Mondadori decide di giocare la carta: nuova-edizione per nuovi-lettori, si procede dunque ad un restyling grafico generale e finalmente ricompare dopo decenni quest'opera nelle librerie (ricordo che quella del 1982 era una copia omaggio), per ritrovare una versione da edicola/libreria (?) si deve andare indietro fino al 1977, quasi 40 anni!!
Siamo nel 2014 e la collana che ospiterà con il n. 3 l'opera di Clarke è la neonata Oscar I Grandi della Fantascienza; ad oggi consta di "ben" 9 volumi in 2 anni....temo una morte imminente per asfissia da stritolamento tra un romazo di Camilleri e l'ultimo della Rowling...forse il colpo di grazia arriverà da una biografia di qualche calciatore dal ciuffo dorato o L'oroscopo 2017. Ottima cover del nuovo copertinista di Urania Franco BRAMBILLA apprezzato dai più (ma non da tutti) e traduzione di Maria GALLONE, sempre quella...
Reperibilità ottima e prezzo di copertina, salvo sconti del momento: € 10


I Grandi della Fantascienza n. 3 , Arnoldo Mondadori Editore, 2014

Ed eccoci infine all'ultima versione dell'opera in circolazione, anno 2015. Siamo nell'ennesima collana figlia/spin-off di Urania che ripropone principalmente le "migliori" (polemic mode off) storie delle collana madre  nella veste Urania Collezione....no arghhhh devo resistere...polemic mode off...devo resistere...uff uff..respira profondamente (come dici? hanno persino modificato la veste grafica dopo 121 numeri?! smettilaaaaaaaa)...ma con nuove traduzioni (come? come?, sempre la Gallone? Ah ok...) ..uff...uff..respira...ma però con un prezzo minore della collana madre di inediti (cosa?!? sono ristampe e costano 1 € in più, ma dai...curioso)..oooohhhhmmmm...presentiamo dunque il n. 150, con però interesasnti note sull'autore di Giuseppe LIPPI, cover inedita di Franco BRAMBILLA e (nota positiva per me) bibliografia italiana di Arthur C. Clarke in appendice al volume a cura di Ernesto VEGETTI e Andrea VACCARO.  
Reperibilità ottima, prezzo di copertina salvo sconti del caso: € 6,50 (eBook a € 3,99)


Urania Collezione n. 150 , Arnoldo Mondadori Editore, 2015

Prima di concludere l'articolo con alcuni link di approfondimento, vorrei qui citare una community di appassionati lettori, collezionisti, amanti di SF la cui cultura generale riguardo la collana Urania & figlie supera di grand lunga la mia e a cui devo in gran parte il nascere anche in me di questa profonda ammirazione per questo genere letterario unico.
Sulla SF e sulle sue infinite sfaccettature, sotto-generi e via dicendo avremo modo di riparlarne in futuro. Un mio caro saluto va dunque agli amici di Uraniamania  che spero vorranno eventualmente aiutarmi a correggere possibile errori o integrareeventuali  lacune di questo articolo.

Un'ultima grandissima curiosità riguarda la "storia" della classificazione dei diversi Urania n. 1 originali trovati negli anni dai collezionisti, le differenze con la copia anastatica, la presenza di 2 o forse più versioni del n. 1 originale e tanto altro ancora; il tutto meravigliosamente narrato con dovizia di particolari, umorismo, documentazione chiara ed analitica dal decano dei lettori/collezionisti di Urania: "Il Custode" nelle pagine che potete trovare qui:

http://www.fantabancarella.com/u1vsu1ana/index.html

AGGIORNAMENTO 18/10/2016

Con piacere aggiorno l'articolo dopo essere stato conttatato da Giuseppe LIPPI in persona (attuale curatore di Urania & C.)  il quale mi ha gentilmente segnalato un suo libro di cui riporto la copertina qui sotto.
IL FUTURO ALLA GOLA , Una storia di Urania dal 1952 al XXI secolo. Edzioni Profondo Rosso, Roma 2015; libro che racconta la storia di Urania per filo e per segno dal 1952 ad oggi in 250 pagine riccamente illustrate.  Una lettura da non perdere assolutamente!




"Il futuro alla gola" , Profondo Rosso Edizioni, Roma 2015


Concludo con alcuni link a corredo:

Blog ufficiale Mondadori dedicato ad Urania:
Scala di valutazione Urania (Rif. "Il Trifide" di Uranimania)
Sito di riferimento per tutti gli appassioniati di Urania e non solo:
Sito che raccoglie tutte, ma proprio tutte le copertine di Urania & collane figlie (per ammirare cover strepitose di maestri dell'illustrazione del passato e del presente):
Scheda del libro versione originale su Anobii:
Scheda del libro su ISFDB:
Per qualsiasi domanda, suggerimento, puntualizzazione o altro contattatemi tramite messaggio sul blog, email o su Anobii.
  
Buona lettura!