mercoledì 12 ottobre 2016

ROBUR IL CONQUISTATORE - JULES VERNE


"Robur il conquistatore", Jules Verne, G. Morreale Editore, 1923

Quest'oggi voglio parlarvi di un libro a me particolarmente caro e che fa bella mostra di sè in libreria assieme a molti di altri di un autore che non finirà mai di stupire per la sua inventiva, capacità d'anticipazione, abilità narrativa e prolificità. Sto parlando di Jules VERNE, lo scrittore francese padre di opere memorabili che hanno ammaliato generazioni e generazioni di lettori giovani e meno giovani nell'ultimo secolo, opere che hanno ispirato pellicole meravigliose del cinema e che ancor oggi sbalordiscono per la loro freschezza e attualità, per i dialoghi scorrevoli e godibili, per l'ironia e la dirompente creatività che scaturisce dalla lettura.


Jules Verne ritratto dal pioniere della fotografia e amico Nadar (Gaspar-Fèlix Tournachon)

Senza appesantire troppo questo articolo con una biografia enciclopedica basterà qui accennare al fatto che Jules VERNE ha pubblicato nella sua lunga carriera decine di romanzi. Solamente il ciclo di opere che lo ha consacrato nell'olimpo dei narratori, "I viaggi straordinari" (Voyages extraordinaires), è composto da oltre 50 libri. Per chi non conoscesse lo scrittore approfonditamente, o anche per chi ne fosse completamente digiuno, vorrei citare solo i romanzi più noti che maggiormente hanno contribuito al diffondersi della sua fama: "Ventimila leghe sotto i mari", "Viaggio al centro della Terra", "Dalla Terra alla Luna", "L’isola misteriosa", "Il giro del mondo in 80 giorni", "Cinque settimane in pallone", "I naufraghi del Chancellor" e tanti, tanti altri. Come di consueto, per chi volesse approfondire, lascio link in fondo all'articolo.

La prima edizione in mio possesso che vado a presentarvi  è del 1923 ed è edita dalla casa editrice G. Morreale, fa parte di un gruppo di 4 romanzi di Jules VERNE stampati nei primi anni '20 del secolo scorso dall'editore milanese. Ad oggi mi risultano infatti stampati da Morreale solamente i seguenti titoli: "Robur il conquistatore" (1923), "Cinque settimane in pallone" (1923), "Viaggio al centro della terra" (1924), "Una città galleggiante" (1924).  Lo si trova difficilmente in queste condizioni che definirei buone/ottime; negli anni seguenti il mio acquisto ho spesso cercato altre copie o altri titoli di Verne dell'editore Morreale per confrontarne il prezzo ed eventualmente acquistarne altri. Ad oggi, le poche aste o offerte in cui mi sono imbattuto presentano prezzi che variano dai 30 € per una versione incompleta, con parti di testo mancanti e danni alla copertina fino ad arrivare a 50/75 € per versioni in discrete condizioni ma ancora lontane secondo me dalla copia in mio possesso.
 

ROBUR IL CONQUISTATORE
(Robur le conquérant, 1886)
di Jules Verne
G. MORREALE Editore
Milano 1923, brossura, 192x280,
172 pagine, illustrazioni nel testo e 9 tavole  fuori testo di Leonardo Dudreville
Traduzione: Mina Corbella

Descrizione

Il romanzo narra le gesta di un geniale e mirabolante tecnologo, l'ingegnere Robur, che parecchi anni prima del 1900 costruisce una "macchina volante" di tipo nuovissimo, fondandosi in parte sui principi ai quali dobbiamo i moderni elicotteri. Per dimostrare la superiorità del suo "Albatros" sui palloni aerostatici già in uso o in progetto, egli obbliga due esponenti dell'opposta tendenza scientifica-tecnica (il segretario e il presidente del Weldon Institute) a sorvolare l'America, l'Asia e l'Europa, col gigantesco elicottero da lui guidato. Con il suo comportamento altezzoso, sprezzante e parzialmente fanatico, Robur vi risulta un assoluto fuorilegge, disposto alle maggiori prepotenze incurante delle libertà e delle idee altrui. Nello smodato, dispotico orgoglio di Robur "il conquistatore" si rivelano già quegli impulsi che esploderanno nel seguito "Padrone del mondo". Il possente aeroplano inventato da Robur sotto molti aspetti è ancora molto più avanzato tecnologicamente delle macchine volanti odierne. L’Albatros di Robur poteva sollevarsi e volteggiare in aria come un elicottero, volare sopra l’oceano come un missile atomico, tuffarsi sotto le onde e viaggiare sott’acqua come un sottomarino, e persino andare sulla terra ferma. E la storia di Robur, quest’eroe monomaniaco che osò sfidare il mondo dalle altezze del cielo e dichiararsi padrone della Terra, rimane ancor oggi bellissima e affascinante."

A corredare le due edizioni antiche qui presentate sono presenti numerose illustrazioni così come'era d'uso comune per la maggior parte dei romanzi di Verne pubblicati nel corso dei decenni da diversi editori ma soprattutto dall'editore francese Pierre Jules HETZEL a cui si devono le innumerevoli e  magnifiche tavole a corredo della sterminata opera di Verne inserite nella raccolta dei romanzi che porta il suo nome e di cui parleremo in un futuro articolo su questo blog riguardante una edizione italiana del 2003, ovvero: "Hachette - Collezione Hetzel".


"Robur il conquistatore", Jules Verne, G. Morreale Editore, Milano 1923, frontespizio


"Robur il conquistatore", Jules Verne, G. Morreale Editore, Milano 1923, l'Albatros

"Robur il conquistatore", Jules Verne, G. Morreale Editore, Milano 1923, itinerario dell'Albatros

Nel corso degli anni mi è stata regalata una seconda copia di quest'opera da un caro amico durante una visita presso un rivenditore di libri antichi che si trova a Riva del Garda (Studio Bibliografico Benacense), negozio fornitissimo che segnalo nei link a fondo pagina. Questa versione del libro è della Società Editrice Sonzogno, ricopertinata dalla legatoria G. Rognoni unendo due diversi romanzi di Jules VERNE a formare un unico tomo. Non mi risulta che la copertina sia coeva (dello stesso periodo delle opere contenute) ma non ha molta importanza per quanto mi riguarda. Essendo una edizione "assemblata" non credo abbia alta reperibilità, anzi, potrebbe risultare un pezzo unico come unici sono tutte quelle edizioni create a partire da 2 o più romanzi uniti a formare un unico libro e poi rilegati da professionisti dell'epoca (in questo caso una legatoria Milanese oramai scomparsa). Non ricordo esattamente il prezzo, credo attorno al 40/50 € circa.

ROBUR IL CONQUISTATORE - UN BIGLIETTO DELLA LOTTERIA
(Robur le conquérant, Un billet de loterie, 1886)
di Jules Verne
SOCIETA' EDITRICE SONZOGNO
Milano1900, cartonato
Incisioni nel testo (44 +40)


"Robur il conquistatore - Un biglietto della letteria", Jules Verne, Società Editrice Sonzogno, Milano 1900

Entrambi i romanzi che compongono il volume sono riccamente illustrati da decine di incisioni d'epoca che impreziosiscono e rendono la lettura molto coinvolgente e appagante anche dal punto di vista visivo e artistico. Inserisco un paio di immagini qui di seguito per dare l'idea della bellezza di queste incisioni in grado di catapultarci immediatamente nell'epoca e nell'atmosfera ottocentesca io cui si svolgono le vicende. Le incisioni per "Robur il conquistatore" sono in totale 44, alcune nel testo ed altre a piena pagina.


"Robur il conquistatore", Jules Verne, Società Editrice SonzognoMilano 1900, frontespizio



"Robur il conquistatore", Jules Verne, Società Editrice SonzognoMilano 1900, 1a pagina

Le incisioni altresì presenti all'interno del secondo volume "Un biglietto della lotteria" sono invece in totale 40.

"Un biglietto della lotteria", Jules Verne, Società Editrice SonzognoMilano 1900, frontespizio


"Un biglietto della lotteria", Jules Verne, Società Editrice SonzognoMilano 1900, 1a pagina

Per chi non fosse interessato alla versioni "antiquarie" precedentemente mostrate e volesse semplicemente leggere i due romanzi che narrano le gesta di Robur senza spendere cifre esagerate (relativamente si intende) consiglio l'acquisto della terza versione in mio possesso stampata all'interno della mitologica collana Cosmo Oro (articolo in preparazione su questo blog) della Nord che contiene appunto integralmente i due romanzi che formano il "ciclo" di Robur, ovvero: "Robur il conquistatore" e "(Il) padrone del mondo".
Si trova facilmente da venditori online o da privati, prezzo che varia molto, da 5 a 20 € a seconda delle condizioni e del venditore.

IL PADRONE DEL MONDO
(Robur il conquistatore - Padrone del mondo)
(Robur le conquérant, 1886 - Maître du Monde, 1904)
di Jules Verne
NORD Editore
1985, brossura con sovraccoperta
Copertina: Paul LEHR
Traduzione: Barbara MIRO'


"Il padrone del mondo", Jules Verne, Cosmo Oro n.70, Nord Editore, 1985

Alle innumerevoli opere di Verne ha attinto a piene mani il mondo del cinema, trasponendo direttamente o semplicemente ispirandosi per realizzare pellicole famosissime che hanno entusiasmato generazioni di appassionati di film ricchi di scene avvincenti, di avventura e componenti scientifiche-futuristiche così come presenti nell opere da cui sono tratti.
"Il padrone del mondo" (Master of the World) è un film di fantascienza statunitense del 1961 diretto da William Witney, interpertato da Vincent Price, Charles Bronson e Henry Hull e basato sulla sceneggiatura proposta nientepopò di meno che da Richard MATESON!


"Il padrone del mondo", Master of the World, USA 1961, 102'
Trama

"Verso la metà del secolo scorso un'inaccessibile montagna della Pennsylvania ha improvvise eruzioni e manifestazioni misteriose che terrorizzano la popolazione. Un gruppo di ricerca penetra nel cratere e vi trova un tiranno che domina la montagna con una nave da guerra navigante nel mare interno e con una astronave. Tratto da due romanzi di Giulio Verne (Il padrone del mondo e Robur il conquistatore) sceneggiati da Richard Matheson, il film ha un sapore di fantasia ingenua, con profumo d'epoca, e divertenti soluzioni cinematografiche nell'uso dei trucchi. Il tenebroso Vincent Price è il tirannico capitano, Charles Bronson il giovane eroe."(1.*)

Per ultimo vorrei segnalare una serie a fumetti della Sergio Bonelli Editore di qualche anno fa che ha molti punti di contatto con il romanzo di Verne e che consiglio di recuperare. Greystorm è una miniserie a fumetti di genere avventuroso/fantastico/fantascientifico composta da 12 albi, ideata e sceneggiata da Antonio SERRA con le splendide copertine di Gianmauro COZZI e pubblicata a partire da ottobre 2009 e di cui sono in ristampa deluxe cartonata tutti gli episodi. In Greystorm non solo molte parti dell'opera di Verne hanno ispirato direttamente l'ambientazione, i personaggi, l'atmosfera stessa di questa miniserie ben scritta e congeniata, ma addirittura all'interno di uno degli albi assistiamo il protagonista mentre legge l'opera "Il padrone del mondo" di Verne!


"Greystorm", minisere di 11+1 albi, Sergio Bonelli Editore, Italia 2009-2010

Trama

"Siamo alla fine del diciannovesimo secolo. Robert Greystorm è l’unico figlio di un ricco nobile inglese. Appassionato fin da giovane di meccanica e ingegneria, Robert, testardo e orgoglioso, sfrutta sino all’ultimo penny l’eredità lasciatagli dal genitore per cercare di portare a compimento i suoi avveniristici progetti. Durante gli anni del college, incontra Jason Howard, anche lui giovane rampollo di una ben più ricca famiglia. Questa esperienza lo porterà a fare delle scoperte che cambieranno per sempre la sua vita e che lo spingeranno verso scelte estreme. Decisioni radicali che lo renderanno un pericoloso nemico di Jason e di tutta l’umanità…" (2.*)


Scheda dei libri su wikipedia:
Scheda delle diverse edizioni italiane dell'opera sul catalogo Vegetti:
 Scheda della edizione Morreale (1923) su Anobii (dove risulto l'unico a possederlo!):
Scheda della edizione Nord (1985) su Anobii (comprende i 2 romanzi):
Progetto Gutemberg per leggere l'opera gratuitamente in lingua inglese:
Link a libreria antiquaria Riva del Garda:
Locandina e trama del film da wikipedia filmtv.it(1.*):
Scheda del personaggio/miniserie edita da Sergio Bonelli Editore:
Per qualsiasi suggerimento, correzione, segnalazione od altr contattatemi su questo blog, via email o direttamente su Anobii.
  
Buona lettura e buona visione!